Leture Infernâl

dante per gadPoco più di un mese fa, ci è stato chiesto di organizzare una performance da inserire nella serie di eventi/attività/installazioni legati al progetto Lucifer e a San Daniele 2020 (il link alla pagina per chi non conoscesse questa iniziativa: San Daniele 2020). Lo spazio a noi riservato era il parco festeggiamenti della sagra di Villanova, il 13 giugno.

Nello specifico ci è stato chiesto un piccolo omaggio all’Inferno dantesco che risultasse leggero, simpatico e proponibile all’aperto durante una sagra campestre. Insomma, una bella sfida! Trovarsi a poche settimane dall’esibizione senza un testo e un’idea ben precisa faceva molta paura, dover partire dall’Inferno e divertire il pubblico con leggerezza ci sembrava quasi una contraddizione in termini. Superato  un primo momento di ansia da prestazione mista a blocco dello scrittore , in otto coraggiosi attori della compagnia ci siamo rimboccati le maniche e con tanto entusiasmo e un briciolo di incoscienza, dopo due serate di brain storming e di lettura/rilettura di alcuni tra più noti brani del capolavoro dantesco, abbiamo abbozzato il nostro progetto.

Ben coscienti che stavamo più o meno facendo i baffi alla Gioconda, ci siamo lasciati suggestionare dall’idea che Dante sia per tutti ma che non tutti lo accolgano come merita. Cosa potrebbe accadere se un gruppo di attori di strada provasse con convinzione e serietà a diffondere la Divina Commedia e venisse tormentato da due diavoletti dispettosi che denigrano il suo operato e soprattutto quello del Sommo Poeta? Ecco quindi che dopo ancora qualche incontro, un po’ di “compiti per casa” e una manciata di prove, vedeva la luce la nostra Leture Infernâl.

Sabato 13 giugno ci siamo così cimentati nel dare vita alla nostra idea tra gli avventori della sagra campestre di Villanova. Un’esibizione estemporanea in un luogo dove le persone non si erano riunite per ascoltare noi ma per cenare o bere qualcosa in compagnia. C’era chi non sapeva perché fossimo lì e cosa stessimo facendo e ci guardava un po’ interdetto, chi sorrideva divertito, chi applaudiva e faceva cenno agli altri di tacere per poterci ascoltare meglio, il tutto condito dal vociare dei bambini, dallo sfrigolio delle griglie che arrivava dalla cucina e dalla musica di sottofondo immancabile in tutte le sagre. Un’esperienza nuova per il GAD, da sempre abituato ad un palco e ad un pubblico lì apposta per noi; una bella sfida che ha messo a dura prova la nostra fantasia e la nostra faccia tosta. Recitare però è anche questo: credere in ciò che si va a proporre e mettersi continuamente in gioco per regalare un’emozione.

smile GAD

Annunci

Un pensiero su “Leture Infernâl

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...